Recensioni

Festival Puccini, Torre del Lago, Turandot di Ferruccio Busoni. Calaf, si propone letteralmente come il “Principe Azzurro”, deciso a conquistare la donna rischiando la vita. Egli riesce a sciogliere i tre difficili enigmi e come vuole la regola imposta, colui che sarebbe stato in grado di riuscire in questa impresa avrebbe avuto Turandot in sposa. Buona  la prova del tenore Michael Alfonsi nella parte di Calaf, un pretendente coraggioso e incosciente, che supera le prove imposte attraverso la sua spontaneità e la sua ironia.

Corriere dello Spettacolo, 2016

 

Michael Alfonsi magnifico! E’ considerato un giovane fenomeno del bel canto, questa sera dà vita ad una Tosca che lascia senza fiato. Verso il finale un crescendo di emozioni uniche! 

Opera, 2016

 

 

Il ruolo di Alfredo Germont tocca ancora al giovane tenore romano Michael Alfonsi, forte presenza scenica e voce interessante, che gli è valso ancora una volta la chiamata in pianta stabile al Festival Pucciniano di Torre del Lago. 

La Gazzetta del Serchio 2016

 

 

Il giovane Michael Alfonsi, romano, è stato Alfredo Germont, l'amore di Violetta e protagonista maschile. Alfonsi, ha già cantato nei teatri di tutta Italia, facendosi apprezzare per le sue doti vocali.

Luccaindiretta 2016

 

Apprezzata la prova in Tosca del tenore Michael Alfonsi, dal possente squillo.

L'Arena, 2013

 

 

Le splendite note di “Celeste Aida”, cantate dal tenore romano Michael Alfonsi, è stato uno dei momenti più profondi della serata.

Il Giornale di Perugia 2008

 

 

Importante e potente voce del giovane cantante di Roma Michael Alfonsi, che ha sfoderato come fosse un pittore alcune melodie immortali, apprezzata in particolare la celebre “Celeste Aida” e il complesso “Cielo e Mar” dalla Gioconda di Ponchielli.

Corriere dell’Umbria 2008

 

 

Rieti capitale dello spettacolo: c’è Alfonsi, prima “voce” del Papa e “pupillo” di Pavarotti. Il giovane tenore Michael Alfonsi attende il momento della sua esibizione con lo spirito e l’aplomb di un navigato professionista. Tra un’apparizione televisiva e l’altra il giovane talento ha avuto l’onore di cantare al fianco di Pavarotti e Domingo. Chi ha avuto l’occasione di ascoltarlo conferma la sua “potenza” vocale nell’attesa di <<poter esprimere con fortissimo desiderio tutto ciò che ha dentro>>. 

Il Messaggero, 2008