Nato a Roma, a dieci anni è selezionato quale  voce solista della “Cappella Sistina” per esibirsi di fronte a Sua Santità Giovanni Paolo II, incidendo cd e partecipando a numerose tournèe in Italia e all’estero.

 Nel 2000 il Teatro dell’Opera di Roma, nel centenario dell’opera Tosca, gli concede una grande opportunità affidandogli il ruolo del “Pastorello” (al fianco di Luciano Pavarotti, con la direzione di Placido Domingo e la regia di Franco Zeffirelli). In seguito lo stesso Teatro lo impegna anche per “Le joungleur de notre dame” di Massenet (un enfant) e ne “Il flauto magico” di Mozart (dritter knabe).

 Il debutto in qualità di tenore avviene nel 2008, a Lucca, in occasione di un recital per i 150 anni della nascita di Giacomo Puccini: nello stesso anno consegue il Diploma in canto e pianoforte.

 Nel 2011 al “Concorso Internazionale Anita Cerquetti” è vincitore in qualità di “giovane tenore e giovane promessa della lirica”: numerose sono le proposte delle direzioni di teatri di tradizione italiani.

 L’associazione Beniamino Gigli in occasione del “Gigli d’oro” lo invita a Recanati per esibirsi al Teatro dei Persiani. 

 Nel 2013 al Teatro Alessandro Bonci di Cesena e al Fabbri di Forlì, per la direzione del M° Paolo Olmi, debutta il ruolo di “Pinkerton” in Madama Butterfly, mentre a Roma quello di “Alfredo” in Traviata ed a Firenze “Turiddu”, in Cavalleria Rusticana.

 Al Teatro Argentina di Roma l’emittente Rai lo convoca per un concerto in onore di Sua Santità Papa Ratzinger (ottobre 2013). Dopo numerose apparizioni al Teatro dell’Opera di Roma (e alle Terme di Caracalla), lo stesso Teatro lo propone in occasione dei 30 anni dalla morte di Mario Del Monaco per il concerto commemorativo. Anche al Teatro Filarmonico di Verona riceve dopo la sua esibizione vocale un grande consenso di pubblico e di critica. In dicembre dello stesso anno è stato impegnato al Teatro della Pergola (Firenze) per un’ incisione discografica distribuita dall’etichetta NAXOS, che lo vede protagonista in un’opera giovanile di Pietro Mascagni: Alla Gioja.

 Il 2014 lo vede impegnato nel debutto del ruolo “Sir Edgardo di Ravenswood”  dalla Lucia di Lammermoor (Roma), cui segue  Petite Messe Solennelle (con relativo CD distribuito dall’etichetta discografica NAXOS) ed a Parma è invitato per un recital verdiano alla presenza dei Reali d’Olanda. Nel mese di dicembre 2014 la Fondazione Puccini di Torre del Lago lo propone per il debutto in Tosca, nel personaggio di “Mario Cavaradossi”.

 Il 2015 si apre col debutto a Roma (Sant’ Andrea della Valle) del titolo sacro Stabat Mater di Rossini.                                        Nell’estate 2015 è impegnato al Festival Puccini di Torre del Lago in Madama Butterfly, affrontando contemporaneamente al Teatro Greco di Taormina il ruolo di Rodolfo (Boheme), al Teatro Antico di Pompei i ruoli di Ismale (Nabucco) e di Alfredo (Traviata). Successivamente è impegnato nella Nona Sinfonia di Beethoven a Roma. 

 Nel 2016 incide l’integrale delle romanze inedite di Mascagni, in coppia con Amarilli Nizza (distribuite dall’etichetta Naxos) e debutta i ruoli del “Duca di Mantova” (Rigoletto) e “Don Josè” (Carmen) a Roma, partecipando poi ad una tournèe per i teatri tradizionali toscani dove affronta nuovamente i ruoli del “Duca di Mantova” e di “Alfredo”. Ma è il Festival Puccini di Torre del Lago che lo richiede in agosto 2016 per interpretare il ruolo del “Principe Calaf” in occasione del centenario dell’opera Turandot di Ferruccio Busoni.

  A dicembre è invitato a Londra, dal Festival Puccini e la sua Lucca, per un recital pucciniano: poco dopo, con lo stesso Festival, debutta nella prestigiosa sala d'oro del Musikverein di Vienna, riscuotendo grande successo di pubblico e critica.

  Il 2017 si apre con un tour che attraversa tutti i Teatri di tradizione della Toscana  dove è protagonista nelle principali eroine pucciniane ed è invitato al concerto commemorativo di Sesto Bruscantini dal Teatro Annibal Caro. In aprile debutta nel Requiem di Mozart (Basilica di Sant'Andrea della Valle) ed in maggio prende parte ad un importante recital in momemoria di Karajan a Lucca e Firenze (Sala dei Cinquecento, Palazzo Vecchio).

 Tra i ruoli interpretati vi è anche quello del Conte Almaviva nel Barbiere di Siviglia (Grecia) e recentissima è la collaborazione con BBC e Sky International che lo vede protagonista nella Boheme di Puccini (Rodolfo) al Teatro del Giglio di Lucca, con grande successo di pubblico e critica. E' stato invitato per celebrare Beniamino Gigli in Finlandia (Helsinki) con un recital, nonchè nuovamente richiesto a Vienna, nella sala d'oro del Musikverein, dal Festival Puccini e la sua Lucca (dicembre 2017).

 Apprezzato da direttori di chiara fama per la sua duttilità, tra i quali  P. Domingo, G. Gelmetti, C. Dutoit, D. Rustioni, P. Olmi, A. Colombini, F. Ledda, J. Lopez-Cobos, S. Rabaglia, etc.

 Può vantare collaborazioni con registi quali F. Zeffirelli, P. Pizzi, D. Livermore, L. Pelly, V. Hewitt, E. Stinchelli, etc.               

 Dal 2008 collabora stabilmente con il Festival Puccini e la Sua Lucca, dal quale è invitato per concerti e opere in Italia e all'estero, in prestigiose sale e teatri.

 Il sodalizio con il Vaticano, iniziato nel 1998, continua ad oggi con varie collaborazioni: iniziando come prima voce solista del Papa nella Cappella Musicale Pontificia Sistina ha collaborato, tra le altre, con la Cappella Giulia, con la Pontificia Cappella Musicale Lateranense e dal 2011 è impegnato stabilmente con la Venerabile Cappella Musicale Liberiana di Santa Maria Maggiore, per eventi sacri in Italia ed impegni solistici all'estero.

 Ha in repertorio diverse opere liriche e sacre di compositori quali  Verdi, Puccini, Donizetti, Mascagni, Strauss, Mozart e Rossini: vasto anche l'impegno nella musica contemporanea, con numerose collaborazioni in Italia e all’estero con Ennio Morricone e Luis Bacalov.

 E’ stato insignito del titolo di “cavaliere” della città di Roma per il merito di “portare l’Arte del Canto in Italia e nel mondo”.